Sparò alla docente, lo studente si è pentito e ha chiesto scusa: “Ha regalato anche una medaglia vinta all’insegnante colpita”

WhatsApp
Telegram

Il caso della docente colpita da pallini di gomma scagliati da uno studente è finita su tutti i giornali. Anche la notizia della denuncia da parte di tutta classe ha destato clamore.

Emergono nuovi dettagli sulla vicenda grazie alla ricostruzione del Corriere del Veneto e del Gazzettino che riportano le parole dell’avvocato dello studente che ha sparato all’insegnante: “L’autore degli spari sta facendo di tutto per rimediare. Dopo il fatto, si è immediatamente autodenunciato alla dirigente scolastica. Lui e la sua famiglia si sono scambiati anche gli auguri di Natale con la docente”.

Poi aggiunge: “Da quel giorno lì a oggi i contatti tra lo studente e la sua famiglia e la docente sono stati continui, tanto che le hanno fatto anche gli auguri di Natale. Sempre nei giorni immediatamente successivi all’episodio, il ragazzo ha cercato la preside per rappresentare la volontà di rimediare al proprio sbaglio, svolgendo attività volontariato a scuola anche in orario extrascolastico. Anche i genitori hanno sempre manifestato piena collaborazione con l’istituto. La sospensione, che da un’altra famiglia è stata impugnata, da parte sua e dei suoi genitori non solo è stata accettata senza muovere alcuna contestazione, ma il ragazzo si è anche reso disponibile a svolgere un’attività formativa educativa presso un’associazione per disabili. E il 30 ottobre, dopo aver vinto una gara sportiva individuale, ha dedicato la vittoria alla professoressa Finatti: ha chiesto di parlare con la preside chiedendole come fare per consegnare la medaglia vinta alla docente. La preside ha apprezzato il gesto e lo ha invitato a lasciare la medaglia in una busta con un messaggio”

“È un caso altamente emblematico, il Ministro vuole seguirlo personalmente dato che rappresenta il paradigma di quello che non deve accadere in classe e dell’assenza di rispetto”, ha dichiarato Carmela Palumbo, direttrice generale dell’Ufficio Scolastico regionale.

Leggi anche

Docente colpita in classe da pallini a Le Iene: “Ho provato dolore e umiliazione”. Una studentessa: “La prof non voleva più entrare in aula”

Spari alla docente a scuola, lei denuncia tutta la classe: “Lo faccio perché non succeda più a nessuno, ne va della nostra dignità”

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur