Sparatoria in una scuola russa: 11 morti e 32 feriti fra studenti e insegnanti

Stampa

Ci sono diversi studenti e anche insegnanti fra le vittime della sparatoria in una scuola di Kazan, capitale della repubblica russa del Tatarstan. Lo ha riferito l’agenzia di stampa Tass, citando fonti dei servizi di emergenza.

Un ragazzo, ha reso noto Ria Novosti, sarebbe stato fermato dalla polizia in relazione alla sparatoria.

Secondo altre fonti citate da Interfax, sarebbero 8 gli studenti assassinati. Uno degli assassini sarebbe già stato arrestato mentre le forze di sicurezza hanno bloccato il secondo tiratore al quarto piano della scuola.

Diversi alunni sono saltati fuori dalle finestre del terzo piano della scuola numero 175 nella città di Kazan dopo che gli aggressori hanno aperto il fuoco all’interno dell’edificio. Lo ha detto alla TASS uno dei testimoni oculari.

Diversi ragazzi sono saltati fuori dalle finestre del terzo piano, a un certo punto, presumibilmente nel tentativo di sfuggire a qualcuno che li stava inseguendo“, ha detto Dilyara Samigullina, che stava passando davanti all’edificio scolastico al momento della sparatoria.

Una fonte delle forze dell’ordine ha detto alla TASS che due persone hanno aperto il fuoco nella scuola numero 175 di Kazan. Uno degli assalitori è stato arrestato, l’altro sarebbe rimasto ucciso nel corso dell’operazione della polizia. Al momento il bilancio della strage parla di undici morti e 32 feriti.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur