Spagna: un’ora d’aria per i ragazzi sotto i 15 anni

Stampa

Era già accaduto in Italia che una circolare ministeriale, in pieno lockdown, consentisse un’uscita di casa dei bambini (assieme a un genitore) per consentire loro di prendere un po’ d’aria.

Ne è derivato un caos comunicativo e polemiche a non finire. Il caso italiano non ha fatto scuola in Spagna, dove secondo un articolo di Repubblica, è scoppiata la stessa confusione sulla possibilità di uscire da casa per i più piccoli.

Ora, sembra che la situazione sia più chiara: in Spagna i ragazzi fino a 15 anni potranno uscire, accompagnati da un adulto, per un’ora d’aria fra le nove del mattino e le nove di sera.

Il vice premier, Pablo Iglesias, si è scusato con i ragazzi per la confusione che si era creata. Il provvedimento “di libertà condizionata” scatterà a partire da domenica, ma non possono allontanarsi oltre un chilometro dall’abitazione.

Maggiore libertà è concessa invece ai ragazzi che vivono in campagna: potranno andare per boschi e ogni adulto potrà accompagnare un massimo di tre ragazzi. L’uso della mascherina, dei guanti e il rispetto delle norme igieniche (distanza di un paio di metri e lavaggio frequente delle mani) restano di rigore.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione