Sottosegretario De Cristofaro: “Lezioni online meglio di niente”. Didattica in presenza insostituibile

di redazione

item-thumbnail

“Se dovessi avanzare un pronostico, definirei davvero remota la possibilità di tornare a scuola a maggio. È evidente che il rientro sui banchi sarà possibile soltanto in piena e totale sicurezza per tutti. E dovrà essere garantita fino in fondo. Ma la scuola si fa in classe e bisognerà tornarci.”

Lo afferma il sottosegretario all’istruzione Peppe De Cristofaro in un’intervista video che appare su Open.

“Va bene l’innovazione – prosegue il sottosegretario di Leu – ma ricordiamoci che la didattica tradizionale, ad esempio dal punto di vista della socialità ma non solo quella, non può essere sostituita da quella a distanza. Le lezioni online le abbiamo fatte perché non avevamo alternative, meglio di niente. Cosa avremmo dovuto fare in queste settimane? Chiudere le scuole?”

“Infine questa emergenza ci dice – conclude De Cristofaro – che occorre investire di più sulla scuola, in passato l’istruzione pubblica è stata bistrattata e messa in secondo piano dalle scelte della politica, e che non ci possiamo più permettere.”

Versione stampabile
Argomenti:

soloformazione