Il sottosegretario all’Istruzione Galletti favorevole al voto B per le paritarie a Bologna: è necessario che chi può, paghi la retta

di Giulia Boffa
ipsef

Red – Il sottosegretario all’Istruzione Gian Luca Galletti intervenendo questa mattina a Bologna al convegno “Perché voto B e difendo la scuola dalle ideologie” ha dichiarato di essere a favore del finanziamento alle paritarie.

”Il referendum di domenica 26 maggio rischia di essere ingannevole per la sua formulazione”.

Red – Il sottosegretario all’Istruzione Gian Luca Galletti intervenendo questa mattina a Bologna al convegno “Perché voto B e difendo la scuola dalle ideologie” ha dichiarato di essere a favore del finanziamento alle paritarie.

”Il referendum di domenica 26 maggio rischia di essere ingannevole per la sua formulazione”.
”Non si tratta di scegliere tra scuola privata e scuola statale – ha spiegato Galletti – ma di difendere tutto il sistema della scuola pubblica, sia quella direttamente gestita dallo Stato che quella gestita dai privati, all’interno di regole qualitative determinate dai Comuni”.

”I cittadini di Bologna – ha poi aggiunto il Sottosegretario – saranno chiamati domenica a difendere il valore della sussidiarietà e il diritto delle famiglie di scegliere l’educazione per i propri figli. Come già sostengo da anni, se si vuole assicurare un posto di scuola materna a tutte le famiglie bolognesi che ne hanno bisogno, è necessario che chi può, cioè chi ha un reddito elevato, paghi almeno una parte del servizio tramite la retta scolastica”.

Sottolineando poi che il Comune spende per le materne circa 7 mila euro l’anno a bambino Galletti ha concluso: ”E’ iniquo dare gratuitamente un servizio a chi potrebbe benissimo col proprio reddito contribuire a pagarne almeno una parte, in modo da garantire un servizio gratuito a chi non può permetterselo”.

Versione stampabile
anief
soloformazione