Sottoscritto Accordo Quadro tra Miur e Ministero degli Interni per l’integrazione civica e sociale dei lavoratori stranieri in Italia

Giulia Boffa – E’ stato sottoscritto dal Miur e dal Ministero dell’Interno l’Accordo Quadro relativo agli adempimenti previsti dal D.P.R. n. 179 del 14 settembre 2011 per l’applicazione dell’accordo di integrazione (test di conoscenza della lingua e della cultura civica e sessioni di formazione civica) dei cittadini stranieri.

Giulia Boffa – E’ stato sottoscritto dal Miur e dal Ministero dell’Interno l’Accordo Quadro relativo agli adempimenti previsti dal D.P.R. n. 179 del 14 settembre 2011 per l’applicazione dell’accordo di integrazione (test di conoscenza della lingua e della cultura civica e sessioni di formazione civica) dei cittadini stranieri.

 L’accordo consta di 12 articoli in cui sono dettagliati i procedimenti per gli adempimenti riguardanti l’integrazione degli adulti stranieri presenti sul territorio italiano.

Tra i più importanti c’è l’articolo n.4, relativo ai criteri e alle modalità per lo svolgimento della sessione di formazione civica e di informazione, da tenersi presso i Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti, sostituiti ancora dai Centri territoriali Permanenti che possono costituirsi anche in reti di scuole; le scuole hanno un rapporto diretto con le prefetture per comunicare la frequenza dei corsi degli adulti stranieri.

Il test di conoscenza della lingua, disciplinato dall’articolo n.5, da tenersi sempre presso i CTP, in attesa dei CPI, è indirizzato all’assegnazione di crediti relativi alla conoscenza dell’italiano a livello A2 del Quadro Comune Europeo.

Nell’art.7 si definiscono i criteri per la realizzazione di progetti pilota relativi ai corsi di integrazione linguistica e sociale, che sono utili ai fini del riconoscimento delle agevolazioni di cui all’art.7 del decreto del Presidente della Repubblica n. 179/2011, che permette appunto al lavoratore straniero la permanenza in Italia.
 

Scarica il testo dell’accordo

Back to school. La scuola riparte in sicurezza. Eurosofia ha creato dei nuovi protocolli formativi per sostenere la ripresa delle attività didattiche