Sostegno, Faraone conferma: saranno 5000 i nuovi posti di sostegno per assunzioni e mobilità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

In diversi nostri articoli abbiamo parlato del “braccio di ferro” tuttora in corso tra Miur e Mef riguardo al numero di cattedre dell’organico di fatto da trasformare in diritto, quindi utilizzabili per le immissioni in  ruolo e le operazioni di mobilità.

Secondo il Miur le suddette cattedre saranno 25.000, mentre per il Mef 11.000.

Nella giornata di ieri in “Aumento cattedre assunzioni e mobilità, Bilancio chiede a Governo di specificare il numero“, abbiamo spiegato il motivo della differenza di calcolo tra i due Ministeri ed evidenziato il fatto che ormai manca poco per conoscere il numero effettivo di cattedre che entreranno a far parte dell’organico dell’autonomia, in quanto il Servizio bilancio della Camera ha chiesto dei chiarimenti sul punto in questione.

Secondo quanto riferito dal Miur,  confermato da un emendamento alla legge di Bilancio da parte del PD, le cattedre di fatto che diventeranno di diritto saranno 20.000 su posto comune e 5.000 di sostegno.

Il numero delle cattedre di sostegno è stato confermato dal sottosegretario all’Istruzione Faraone che, in un’intervista a  La Repubblica, ha affermato:

“Non abbiamo perso per strada nessuno, i cinquemila insegnanti di sostegno in più ci saranno. E, in tutto, avremo venticinquemila docenti stabili in più, l’organico di fatto diventerà di diritto. Ridurremo al minimo le assegnazioni provvisorie, i trasferimenti, la mobilità”.

Sostegno, Faraone: legge delega pronta nelle prossime settimane. Ecco cosa prevederà

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare