Sostegno, Sasso lancia l’allarme: “Rischiamo di trovarci in piena emergenza, pochi docenti e molti di loro non abilitati”

WhatsApp
Telegram

“Nel corso di un incontro sull’inclusione con dirigenti scolastici, docenti e associazioni di famiglie a Civitavecchia, ho ribadito la necessità di intervenire al più presto sul tema del sostegno”.

Così Rossano Sasso, sottosegretario del ministero dell’Istruzione.

E ancora: “Per garantire la continuità didattica, importante per qualsiasi studente ma assolutamente fondamentale per chi vive una condizione più complessa, c’è bisogno che gli insegnanti siano di più e abbiano maggiori competenze: attualmente appena il 17% delle supplenze, 18.000 sul totale di 105.000, è svolto da chi possiede specifiche abilitazioni per il delicato incarico a cui è chiamato”.

“Il ministero dell’Università deve fare in modo che l’offerta formativa degli atenei venga incrementata sensibilmente e in tempi rapidi. Le iscrizioni nelle scuole di alunne e alunni con disabilità sono in costante aumento e i circa 14.000 docenti di sostegno immessi in ruolo nell’ultimo anno scolastico non sono lontanamente sufficienti a soddisfare il fabbisogno. C’è poi da affrontare il tema delle stabilizzazioni, aumentando il numero dei docenti di sostegno di ruolo e, di conseguenza, attenuando la frequenza degli avvicendamenti per ciascuna cattedra. Se non ci si muove immediatamente – sottolinea Sasso – rischiamo in breve di ritrovarci in piena emergenza. L’inclusione è un sacrosanto diritto di studenti e famiglie che va garantito senza se e senza ma”

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur