Sostegno, Giordano (Anief): “L’inclusione scolastica è garantita da un esercito di docenti precari” [VIDEO]

Stampa

“A fronte di 180 mila docenti in servizio in ruolo di sostegno. In ruolo poco meno di 80 mila. L’inclusione è nelle mani di precari in attesa della stabilizzazione. L’inclusione è garantita da un esercito di docenti precari”. Lo ha detto Marco Giordano, presidente Anief della Regione Piemonte intervenuto nel corso del dibattito online di Orizzonte Scuola Tv dedicato all’emergenza sostegno.

“Il tema del precariato sul sostegno è lo stesso del precariato nel nostro paese“, prosegue Giordano, docente siciliano specializzato sul sostegno che lavora in Piemonte. “Abbiamo pochi docenti specializzati in attesa di stabilizzazione e tantissimi altri, più di 100 mila, docenti senza specializzazione, che lavorano sui posti di sostegno. Dobbiamo stabilizzare subito gli insegnanti precari con titolo di specializzazione e allo stesso tempo dobbiamo far conseguire la specializzazione a chi da tre o più anni lavorano sul posto di sostegno, e bisogna lavorare con le Università”, ha proseguito il sindacalista.

Perchè non riusciamo ad assumere docenti di sostegno? “Perchè ne abbiamo pochi specializzati, quei pochi sono ingabbiati nelle Gps e non riescono ad essere assunti in ruolo. Il concorso non è ancora avviato e prevede un meccanismo lungo e laborioso che non serve a rispondere all’emergenza“.

Che fare? “La soluzione è il doppio canale. Accanto ai canali del concorso ordinario si deve affiancare un percorso per titoli e servizi”, dice Giordano.

Carriera del docente di sostegno separata? “Prima superiamo questi problemi e poi, eventualmente, si valuta una strada del genere. Ma oggi l’esigenza è un’altra, ovvero uscire dall’emergenza“, conclude il sindacalista dell’Anief.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur