Sostegno, diritto allo studio negato per tanti alunni con disabilità perché il 50% dei docenti sono precari: appello Anief al ministro dell’Istruzione perché cancelli i posti in deroga

WhatsApp
Telegram

La peggiore negazione allo studio è quella che si attua sul sostegno agli alunni disabili: invece di prenderci cura di loro con la massima attenzione, in molti casi li costringiamo a perdere delle lezioni senza che abbiano possibilità di recuperarle.

Lo denuncia Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, indicando anche al ministro dell’Istruzione quali soluzioni adottare per risolvere il grave problema alla cui base c’è la mancanza di stabilità dei docenti di sostegno: “Chiediamo al ministro Giuseppe Valditara di aumentare l’organico di diritto su sostegno e di andare a verificare quali di questi posti sono stati assegnati in deroga alle scuole negli anni passati, che quindi devono ora essere annoverati come organico di diritto”, ha detto Pacifico all’agenzia Teleborsa.

“Il 50% dei posti su sostegno – ha ricordato Pacifico – è dato in supplenza. Questo è pietoso per la continuità didattica dei nostri alunni. Ciò significa che su 200mila insegnanti di sostegno, uno su due”, circa 100mila “non sono di ruolo. Questo accade perché questi posti vengono assegnati in deroga all’organico ed in base alle esigenze effettive”. È una situazione assurda che costringe “molto spesso le famiglie degli alunni con disabilità a presentare ricorso – Anief lo fa gratuitamente – per farsi riconoscere delle ore di sostegno che altrimenti non vengono considerate”.

“Tutto questo – ha continuato Pacifico – alla fine porta ad una negazione del diritto allo studio: per questo pensiamo che almeno 50mila posti debbano essere messi in organico di diritto e questo permetterà anche di assumere i tanti docenti – 15mila ora e 35 mila domani, quando finirà l’ultimo ciclo del TFA – e assumerli anche al Sud dove questo fenomeno è particolarmente elevato”, ha concluso il sindacalista rappresentativo.

Anief prende atto che nell’Atto di indirizzo sottoscritto recentemente dal Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara è contenuto un impegno ufficiale dell’amministrazione scolastica nel volere realizzare finalmente maggiori immissioni in ruolo di docenti specializzati: Anief chiede che si dia seguito a questo importante impegno, procedendo con la specializzazione di tutti coloro, docenti precari e di ruolo, che chiedono di accedere ai corsi Tfa sostegno e di assumere il personale specializzato su tutti i posti liberi.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri