Sostegno, Bignami (FI): Miur rispetti indicazioni Corte dei Conti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Bignami (FI) – Di recente la Corte dei Conti nella relazione “interventi per la didattica a favore degli alunni con disabilità e bisogni educativi speciali”, ha evidenziato, sulla base di un monitoraggio del 17 marzo 2018 effettuato dall’Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero, un incremento del totale del personale docente di sostegno pari a 154.432 unità, di cui 54.352 in deroga.

Malgrado la stabilizzazione del personale in organico, la crescita dei posti in deroga e di sostegno non si è fermata. Sul tema il deputato di Forza Italia, Galeazzo Bignami depositerà una interrogazione parlamentare con la quale si chiede al Ministro dell’Istruzione “quali misure intenda attuare per non disperdere il patrimonio di professionalità (supplenti e docenti fino alla fine delle attività didattiche) ed esperienza anche con riferimento agli educatori impegnati nelle attività educative assistenziali di rete all’integrazione scolastica degli studenti con disabilità e messi a disposizione dagli enti locali”, “se, in vista dell’anno scolastico che sta per iniziare, ha già predisposto il Piano educativo nel quale determina il fabbisogno delle ore di sostegno a tutti i livelli scolastici”, “se intende fare chiarezza e quali iniziative amministrative ritiene opportuno intraprendere in merito a quanto ha indicato la Corte dei Conti al Miur”, “quali iniziative intenda assumere per ridurre la crescita dei posti in deroga sul sostegno”.

“Sarebbe infatti necessario – dice Bignami – che il Miur fornisse, in fase di preventiva determinazione del fabbisogno di ore di sostegno, indicazioni puntuali al fine di predisporre il Piano educativo considerando, tra l’altro, che il sostegno in deroga va fornito dopo l’esperimento di ogni altro utile rimedio e che ponesse in essere un sistema tempestivo di raccolta dati, di verifica e valutazione delle azioni e dei risultati conseguiti per l’attuazione delle politiche di integrazione scolastica”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione