Sostegno BES DSA, lavori in corso: immissioni, formazione docenti, CTS e sperimentazioni

di redazione
ipsef

red – Quale eredità troverà il nuovo Ministro Giannini? Un piano di immissioni in ruolo da completare, ma anche una sperimentazione sulla nuova classificazione della disabilità ICF. Il punto della situazione e le sfide per il futuro.

red – Quale eredità troverà il nuovo Ministro Giannini? Un piano di immissioni in ruolo da completare, ma anche una sperimentazione sulla nuova classificazione della disabilità ICF. Il punto della situazione e le sfide per il futuro.

Lo scorso anno scolastico si sono contati 219.578 alunni disabili e 101.200 insegnanti di sostegno che rappresentano il 12,6% dell’intero corpo docente. Sebbene con differenze a livello territoriale, il rapporto tra alunni disabili e docenti che si occupano della loro formazione è di 1 a 2, un insegnante ogni due alunni.

Il modello di inclusione italiano è un punto di riferimento a livello europeo, è studiato, ed è anche soggetto a miglioramenti, modifiche e sperimentazioni.

Piano di immissioni in ruolo

Certo positivo è il piano di immissioni in ruolo del Governo Letta che ha previsto nel triennio 2014/16 26mila immissioni. Di queste, 4400 sono già in opera, restano circa 22mila cattedre da coprire. Resta la necessità di rivedere la ripartizione tra le regioni, dato che il rapporto tra organico di diritto e di fatto dovrà ricondurre ad un riequilibrio che vada a vantaggio del Nord. Vedi articolo

Formazione personale

In sospeso anche la formazione del personale docente sui BES (Bisogni educativi speciali), DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) e sulle tecnologie per la disabilità.

CTS

Altra questione riguarda i CTS (Cnetri territoriali di supporto)  con lo scopo di fornire consulenze e formazione a insegnanti, genitori e alunni sul tema delle tecnologie applicate a favore degli alunni disabili. La rete dovrà essere in grado di sostenere concretamente le scuole anche nell’acquisto e nell’uso efficiente delle nuove tecnologie per l’integrazione scolastica.

Sul territorio nazionale sono stati istituiti circa 92 Centri Territoriali di Supporto con 278 operatori. L’elenco completo dei CTS

Sperimentazione ICF

Infine, il Governo Letta lascia in eredità al Ministro Giannini la sperimentazione della nuova classificazione della disabilità ICF (International Classification of Functioning) in ben 93 scuole.

Progetto finanziato con 1,7 mln di euro con lo scopo di sperimentare la nuova classificazione delle disabilità proposta dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che propone una classificazione che vuole descrivere lo stato di salute delle persone in relazione ai loro ambiti esistenziali (sociale, familiare, lavorativo) al fine di cogliere le difficoltà che nel contesto socio-culturale di riferimento possono causare disabilità. Lo scopo è, dunque, di descrivere non solo le persone, ma le loro situazioni di vita quotidiana in relazione al loro contesto ambientale.

Ciò porterà ad interventi mirati sulla persona, ma  anche sul contesto. Ne abbiamo discusso con l’allora settosegretario Rossi Doria in questo articolo: Sostegno 2013/14, l’anno della svolta: quale formazione iniziale? Come formare i docenti curriculari? Quali conseguenze dopo le nuove classificazioni? Intervista al Sottosegretario Marco Rossi Doria

Insomma, molte sfide in campo che dovranno essere raccolte dal nuovo Ministro.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione