Sostegno, assegnare docenti ad alunni già a luglio, “ci vuole flessibilità di gestione per i Dirigenti”. 27mila immissioni non bastano.

di redazione
ipsef

red – A dirlo il Ministro Carrozza durante una intervista a "Cuccioli di Iena", ripresa e commentata da "Il fatto quotidiano". Vediamo i particolari.

red – A dirlo il Ministro Carrozza durante una intervista a "Cuccioli di Iena", ripresa e commentata da "Il fatto quotidiano". Vediamo i particolari.

Le domande delle giovani e promettenti giornaliste non hanno fatto sconti e hanno posto questioni importanti:

  1. continuità didattica
  2. assegnazione dei docenti agli alunni disabili prima dell’inizio dell’anno scolastico
  3. ricorsi delle famiglie per l’aumento delle ore di sostegno

"Lo Stato – ha affermato il Ministro – spesso non ha le risorse sufficienti, mancano gli insegnanti stabili e mancano le possibilità di essere più flessibili" il riferimento è ad una maggiore decisionalità da concedere ai Dirigenti. Manca anche la possibilità di valutare il singolo.

A queste problematiche la Carrozza spera, almeno in parte, di dar respiro con le imminenti immissioni in ruolo sul sostegno che vedrà la stabilizzazione di 27mila insegnanti.

Altra questione riguarda l’assegnazione in tempi utili dei docenti agli alunni.

La proposta del Ministro è un’assegnazione già a partire da luglio e non a settembre, spesso inoltrato, come accade ogni anno. Anche se l’ideale sarebbe Aprile o Maggio

Ma per far ciò è necessario il coinvolgimento degli USR.

Guarda il video

Versione stampabile
anief
soloformazione