Sostegno, Anief: “Il problema non è l’aumento dei posti in deroga ma il mancato adeguamento dell’organico di fatto con quello di diritto. Il sindacato pronto a vigilare”

WhatsApp
Telegram

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ha rilasciato un’intervista ai microfoni dell’agenzia Italia stampa per parlare del nuovo Pei: “il problema non è l’aumento dei posti in deroga, che rispecchia anche le nuove certificazioni, ma il mancato adeguamento dell’organico di fatto con quello di diritto. Questo significa che attualmente, purtroppo, in Italia su 200mila insegnanti di sostegno la metà è di ruolo e la metà no, poiché sono precari chiamati su posti in deroga e non dovrebbe essere così. Il problema è che le scuole richiedono più docenti ma vengono negati per motivi di bilancio. Per questo Anief, ogni anno, attiva l’azione legale “Non un’ora di meno!”.

Come sindacato Anief non solo segnalerà al Ministero le storture introdotte e quelle non ancora risolte, ma si riserva di monitorare e di seguire l’iter e la sua applicazione, sempre accanto al personale della scuola e per la tutela del diritto di ogni alunno e alunna con disabilità.

Anief, inoltre, rilancia la sua storica campagna “Sostegno: non un’ora di meno!” per l’immediata attivazione, con ricorsi d’urgenza gratuiti per le famiglie, di nuovi posti di sostegno in organico e il recupero delle ore negate agli alunni con disabilità.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri