Sostegno, alunno a casa il mercoledì per mancata attivazione servizio assistenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il mercoledì il docente di sostegno ha il giorno libero e l’alunno diversamente abile resta a casa. Perché? Perché si attende ancora l’attivazione del servizio di assistenza specialistica.

Ne parla La Gazzetta del Mezzogiorno.

La denuncia arriva direttamente dal padre dello studente frequentante una scuola di Trani.

L’alunno, come racconta la Gazzetta, ha necessità non solo del docente di sostegno ma anche dell’assistente che ne deve facilitare l’integrazione.

Il genitore ha deciso di non mandare il figlio a scuola quando manca l’insegnante di sostegno, in quanto il ragazzo è oggetto di scherno da parte dei compagni: “Molto spesso a mio figlio viene preso in giro, gli tolgono la merenda, gli lanciano palline di carta, insomma cose non belle.” 

Versione stampabile
anief
soloformazione