Sospensione attività didattiche in presenza fino al 14 giugno: scuola di infanzia anticipa chiusura?

Stampa

Il DPCM del 17 maggio 2020 ha sospeso le attività didattiche in presenza fino alle fine delle lezioni. La data di fine era compresa infatti per tutte le regioni tra il 6 giugno e il 12 giugno. 

Quindi fino al termine delle lezioni, giorno fissato in autonomia dalle regioni, si proseguirà con la didattica a distanza.

Solo a Trento e Bolzano la data era fissata per il 16 giugno.

E la scuola di infanzia?

Le attività scolastiche della scuola di infanzia? Proseguono sicuramente a distanza fino al 14 giugno e non riprenderanno in presenza dopo tale data.

Dal 15 giugno avvio dei servizi educativi

Dal 15 giugno – si legge sempre nel DPCM 17 maggio 2020 – è consentito l’accesso di bambini e ragazzi allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all’aria aperta, con l’ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con l’obbligo di adottare protocolli di sicurezza per il distanziamento.

Stop alla didattica a distanza?

Il bilanciamento di queste due disposizioni nel DPCM induce a pensare che dopo il 14 giugno ci sarà lo stop della didattica a distanza anche per la scuola dell’infanzia, ma sicuramente il Ministero fornirà delle precisazioni in merito, per due motivi: l’iscrizione ai servizi educativi in alcuni casi è a pagamento, inoltre le famiglie devono essere posto per tempo nella condizione di organizzarsi.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia