Solo un docente su quattro tornerà a Salerno con la mobilità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Solo 1 docente salernitano su 4 che lavora nelle scuole del centro-nord riuscirà a tornare a casa.

Sono 2.200 circa le domande di avvicinamento a Salerno pervenute da parte di insegnanti attualmente in servizio al centro nord Italia; tra questi ci sono anche i 970 docenti assunti nel piano 2015-2016 della riforma della Buona Scuola.

I posti per i rientri ammontano a 570 su 2200 richieste di ritorno: sono il totale dei pensionamenti che scatteranno da settembre e delle cattedre assegnate in organico di diritto da una recente informativa sugli organici varata dall’Ufficio scolastico regionale. I posti liberi da assegnare sono quindi 412 dopo i pensionamenti e 161 per effetto dell’aumento delle cattedre in organico di diritto.

“Abbiamo assegnato alla provincia di Salerno un buon contingente di posti in organico di diritto – dichiara la direttrice dell’Ufficio scolastico regionale, Luisa Franzese – sono aumentati rispetto a quelli dell’anno scorso”. Ma non basteranno a venire incontro ai docenti che insegnano al nord e che puntavano a trasferirsi in mobilità a Salerno.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare