“Solo il genitore biologico può assistere i figli a scuola. Surreale”: il caso della coppia gay di Rimini

WhatsApp
Telegram

Madre e padre o genitore? I figli dei due papà di Rimini, i blogger di Papà per scelta non hanno una carta d’identità elettronica. E ritorna così centrale il tema dei diritti delle coppie arcobaleno in Italia. I due genitori, uniti civilmente, hanno avuto i due gemelli negli Stati Uniti con la gestazione per altri.

Sono anni che ci battiamo per ottenere la carta d’identità elettronica per i nostri due gemelli, ma il decreto Salvini ne rende impossibile il rilascio“, dicono al Corriere Romagna.

Per il momento i bambini hanno quella cartacea ma tra poco scadrà. “Quella dei nostri figli scadrà entro un anno. A quel punto come dovremmo regolarci?” si chiedono i due papà.

Su caso è intervenuto il Comune di Rimini che promette battaglia al decreto del 31 gennaio 2019 dell’allora ministro dell’Interno Salvini che impone l’uso di padre e madre sui documenti d’identità. “Faremo di tutto per soddisfare le giuste istanze di queste coppie arcobaleno”, assicura all’Ansa l’assessore all’Anagrafe Francesco Bragagni.

Il Comune di Rimini è al lavoro per individuare una strada burocratica da poter seguire“, aggiunge.

La  questione non è per nulla semplice e riguarda anche la scuola. “In Italia – dicono i due papà – vige ancora la norma per cui solo il componente della coppia omogenitoriale riconosciuto come genitore biologico può assistere i figli in ospedale o a scuola. L’altro no, risulta insomma un semplice sconosciuto“.

I due genitori sono però riusciti a fare in modo di essere riconosciuti entrambi unendo i semi nel processo della gestazione per altri, e “ottenendo così lo status legale di genitori, altrimenti ci saremmo trovati nella disgraziata situazione in cuoi versano migliaia di coppie omogenitoriali italiane, in cui solo uno dei due è padre. E questo, nel 2020 è davvero inquietante. Surreale“, dicono.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur