Solidarietà sul web al docente di religione che faceva lezioni di sesso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Arrivata una valanga di attestati di stima e solidarietà al professore di religione del Nuorese, finito nella bufera per aver parlato in classe di sesso, consigliando l’acquisto di due libri – da leggere a casa con i genitori – ritenuti però dagli stessi genitori “troppo espliciti”.

Attestati da parte di altri familiari degli studenti, ma anche degli stessi suoi alunni, oltre che da amici e conoscenti.

Questo pomeriggio il docente incontrerà le madri che gli hanno chiesto un incontro.

Ma al prof di religione è arrivato anche un “richiamo”. “Mi è stato chiesto di recarmi in una scuola di Nuoro il giorno 20 perché viene un ispettore scolastico e porrà delle domande sulla questione – ha detto all’ANSA -. Inoltre sempre dalla stessa scuola mi hanno chiamato per andare e ritirare una lettera dalla segreteria, mi aspetto una contestazione. Io sono tranquillo ma penso che alla fine dovrò denunciare per mobbing, calunnia e diffamazione diverse persone che ricoprono ruoli diversi”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare