Solidarietà agli insegnanti precari di Mantova dal Comitato Precari Liguri della Scuola e Coordinamento Lavoratori Milano

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

inviato da Paolo Fasce – Il 5 settembre u.s., presso la sede dell’Istituto Superiore "Bonomi Mazzolari" di Mantova, si sono tenute le convocazioni per le assegnazioni delle nomine dei precari per i contratti a tempo determinato.

inviato da Paolo Fasce – Il 5 settembre u.s., presso la sede dell’Istituto Superiore "Bonomi Mazzolari" di Mantova, si sono tenute le convocazioni per le assegnazioni delle nomine dei precari per i contratti a tempo determinato.

Durante la mattinata si è verificato un fatto grave: il provveditore di Mantova, dott.ssa Bianchessi, ha letto una circolare del Direttore Generale dell’USR Lombardia, dott. Colosio, che diceva che non potranno essere stipulati con i ricorrenti nuovi contratti a tempo determinato stante che il carattere illecito dei contratti vieta all’amministrazione di avvalersi nuovamente di quel lavoratore per il futuro

Con questo atto intimidatorio vengono lasciati senza lavoro 150 precari, abilitati ed inseriti a pieno titolo nelle graduatorie ad esaurimento, che hanno prestato servizio nella scuola pubblica per anni, svolgendo il proprio lavoro con professionalità e passione, nonostante la difficoltà di vivere in una costante situazione di incertezza.

In sintesi, i supplenti annuali che hanno fatto ricorso, sulla base di una direttiva europea contro l’abuso del lavoro precario, che hanno vinto la causa, ottenendo il riconoscimento economico del danno subito (sentenza del Tribunale del Lavoro di Mantova n. 258/2011), in luogo di essere assunti in ruolo, come prevede la direttiva europea, vengono esclusi dalle nomine sui posti di precario (Circolare dell’USP di Mantova n. 8499 del 5 settembre 2012, si noti la data).

Le proteste dei docenti hanno costretto il Provveditore a sospendere le nomine in attesa che venga chiarita la situazione.

I ricorrenti si sono immediatamente recati in Tribunale con l’avv. Giuseppina Coppolino. Il Procuratore Antonio Condorelli ha ricevuto la delegazione, fissando un appuntamento per la giornata successiva. Lo stesso avvocato ha contattato il Miur, che ha dichiarato di non essere a conoscenza del provvedimento di Colosio.

Il Comitato Precari Liguri della Scuola chiede al Ministro Profumo di intervenire personalmente per via gerarchica e correggere le indicazioni del dott. Colosio.

Il Comitato Precari Liguri della Scuola auspica un sostegno giuridico pro bono, da chiunque promosso, a tutela degli insegnanti di Mantova coinvolti.

Il Comitato Precari Liguri della Scuola invoca il sostegno delle OOSS, dei partiti politici, di associazioni ed enti che si facciano promotori di un sostegno materiale che supporti economicamente i colleghi coinvolti al fine di consentire loro di affrontare i tempi necessari perchè la questione sia risolta.

Distinti saluti.

_____

Coordinamento lavoratori della scuola "3ottobre" Milano – Il Coordinamento Lavoratori della scuola "3 ottobre" di Milano esprime la massima solidarietà ai colleghi precari della provincia di Mantova che il 5 settembre, in base alla Circolare dell’USP di Mantova n. 8499 del 5 settembre 2012, sono stati esclusi dal conferimento dell’incarico a tempo determinato che spetta loro di diritto.

Riteniamo infatti che tale misura presa dall’Usr della Lombardia (caso assolutamente anomalo che non si registra da parte di nessun altro Usr) non abbia alcun fondamento giuridico e non sia altro che una ritorsione nei confronti di quei docenti che hanno fatto ricorso contro la pratica di utilizzare personale precario senza immetterlo in ruolo per più di tre anni e che hanno vinto la causa ottenendo il riconoscimento economico del danno subito – sentenza del Tribunale del Lavoro di Mantova n. 258/2011, in luogo
di essere assunti in ruolo.

Siamo di fronte ad un evidente caso di mobbing nei confronti di quei lavoratori che lottano per fare valere i propri diritti e di un tentativo di intimorire gli altri precari dall’intraprendere simili azioni di tutela legale in futuro. Auspichiamo pertanto che la situazione venga risolta al più presto conferendo ai docenti precari di Mantova gli incarichi che spettano loro di diritto e che simili situazioni si non ripetano più in nessuna provincia italiana.

Mantova esclude dalle supplenze i docenti che hanno ottenuto riconoscimento economico per mancata stabilizzazione dopo 36 mesi di servizio

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur