Soldi del recovery fund per scuola e sanità: 80mila docenti di sostegno e e orario insegnanti a 36 ore con doppio dello stipendio. Lettera

Stampa

inviata da Antonio Deiara  – Noi diversamente-giovani ragioniamo ancora con le lire, per cui 209 miliardi di euro di “Recovery fund” equivalgono a circa 400 mila miliardi del vecchio conio. In verità, quasi la metà della somma viene restituita ai Paesi membri dall’Europa “sperperona” (si pensi alla doppia sede di Bruxelles e Strasburgo…).

La Scuola e la Sanità devono avere la priorità assoluta nell’impiego del “Recovery fund”. Per la prima si suggeriscono 80.000 docenti specializzati sul Sostegno (e non 25 mila, cara ministra Azzolina!), a partire dai 20.000 subito disponibili, già selezionati, preparati e titolati.

Entriamo poi nel campo della nuova “Funzione Docente”: 36 ore settimanali di lavoro, con l’orario di cattedra invariato e le ferie uguali a quelle degli altri di pendenti pubblici; naturalmente con stipendi europei, cioè doppi rispetto a quelli attuali. Stiamo parlando di circa 30 miliardi di euro, buona parte dei quali ricavati da una serie incredibile di risparmi: ore eccedenti, supplenze fino ai quindici giorni, incarichi fiduciari assegnati dai presidi, figure strumentali, corsi di aggiornamento inutili e costosi, prove Invalsi altrettanto inutili e pari a 18 milioni di euro di spreco ogni anno, utilizzo a costo zero dei Concorsi a cattedra per titoli e servizi (naturalmente con l’implementazione degli Ispettori Scolastici, reclutati tra i docenti anziani dei diversi ambiti
disciplinari, e dotati del potere di licenziare in tronco i professori pelandroni e quelli ignoranti), etc. Il resto andrebbe fornito dal “Recovery fund”.

Ѐ un’occasione unica. Se non ora, quando? I fondi europei sarebbero sufficienti anche per cancellare, finalmente, le “classi pollaio” e restituire le Autonomie scolastiche alle Scuole con più di 500 alunni (300 per comuni montani, piccole isole e aree geografiche abitate da minoranze linguistiche), cancellando in tal modo la vergogna della sedicente “Riforma Gelmini” varata dal Governo Berlusconi nel 2008-2009 e della “lacrimosa” Finanziaria dell’”Uomo della Provvidenza europea”, Mario Monti, del 2012.

Infine, inserimento stabile di professoresse e professori abilitati in lingue straniere, arte, musica, scienze motorie, tecnologia e informatica, in tutte le classi della Scuola Elementare. Certo, si potrebbe fare a meno di tutto questo. La Scuola assurgerebbe al ruolo di Baby-Parking, e l’Italia perderebbe il patrimonio culturale accumulato in secoli e secoli di Storia. Insomma, vincerebbero i nuovi Barbari! Un vecchio adagio popolare insegna che si scopre il valore delle cose quando non si hanno più a disposizione. Come sta accadendo per la Sanità e la Scuola Pubblica al tempo del Covid-19….

Stampa

Come fare educazione civica Digitale: dagli ambienti digitali alle fake news, dal Sexting alla netiquette. Corso con iscrizione e fruizione gratuite