Snadir al Miur: concorso riservato anche per i docenti di religione cattolica

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Snadir – La Federazione Gilda-Unams/Snadir ha chiesto un incontro urgente al Gabinetto della ministra Fedeli al fine di evidenziare nuovamente la necessità di dare una risposta ai docenti precari di religione per quanto riguarda la procedura di assunzione nel settore infanzia/primaria e secondaria di I e II grado.

La FGU/Snadir chiederà, per i precari di religione abilitati ai sensi del precedente concorso, e per quelli che in forza della normativa speciale di settore sono da considerarsi abilitati, la predisposizione di una procedura di assunzione – sostenuta da una disposizione normativa – che, rispecchiando l’iter della graduatoria degli abilitati per le altre discipline, preveda la sola prova di esame orale secondo i contenuti previsti dall’art. 3, comma 5 della legge 186/2003. Solo in questo modo, difatti, si potrà evitare l’ingiusta contraddizione di lasciare solo i docenti di religione privi di una prospettiva di superamento definitivo della condizione lavorativa precaria.

Lo Snadir rinnova ancora una volta il suo impegno a favore di tutti gli insegnanti di religione promuovendo, battaglia dopo battaglia, la ricerca di nuovi sistemi e metodi per dare risposte concrete alle numerose istanze emerse in questi anni e provenienti dall’intera categoria di docenti.

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare