Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Smartphone. Fedeli: vietarne utilizzo per didattica significa chiudere gli occhi, lasciare i ragazzi da soli, senza educazione nell’uso degli strumenti

WhatsApp
Telegram

Lettera di Valeria Fedeli, Ministro dell’Istruzione ad Avvenire. Scrive il Ministro “Limitarsi a vietare ogni tipo di device in classe non avrebbe altro risultato che tenere la scuola lontana da uno spazio sociale e culturale – oltre che tecnologico – che oggi è determinante nella vita dei più giovani, e non solo.

Significherebbe chiudere gli occhi di fronte al telefonino tenuto in tasca e usato per scambiarsi messaggi, e significherebbe soprattutto lasciare ragazze e ragazzi soli, senza accompagnamento e senza educazione nell’uso degli strumenti.

È quello che non vogliamo: non vogliamo rinunciare a questa responsabilità educativa, vogliamo invece assumerla in pieno e fare in modo, nella massima condivisione e collaborazione con le famiglie, che la scuola sia il luogo dove si impara anche a stare in rete, a ricercare informazioni e approfondire, a relazionarsi in modo rispettoso.

Non è compito del Ministero o della scuola decidere se i device sono bene o male, ma lo è insegnare ad usarli nel modo più utile e corretto. Per permettere a ogni bambina e ogni bambino di avere esperienze sicure, libere e consapevoli, contrastando in modo positivo e attivo, non con divieti ma proprio con l’educazione, ogni tipo di dipendenza, anche dagli strumenti tecnologici.”

Leggi tutto l’articolo

Ragazzi e smartphone: l’impegno della scuola per i nativi digitali

Da chi è composto il gruppo di studio

Smartphone in classe sì o no? Ecco il gruppo di studio che deciderà

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur