Smartphone in classe, Fedeli chiarisce: sì ma come strumento lavoro

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Ha chiarito il Ministro durante il suo intervento a studio 24.

“Gli studenti già dalle elementari arrivano a scuola sapendo utilizzare gli strumenti digitali. Già ora ci sono i tablet in aula, ma vanno utilizzati – ha spiegato la ministra – a fini didattici, sono uno strumento di lavoro che si usa in classe sotto la responsabilità dei docenti”. La ministra ha quindi aggiunto che, anche assieme ai genitori, bisogna insegnare ai ragazzi “cosa significa utilizzare un tablet, cosa significa stare su internet, vanno alfabetizzati su opportunità e rischi”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare