Smart working, strutturarla con contratti di lavoro opportuni: l’affondo del ministro Brunetta

Stampa

Il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, ritorna sulla vicenda riguardante lo smart working da applicare anche per il pubblico impiego.

“L’esperienza dello smartworking è stata straordinariamente positiva, tutti noi abbiamo imparato a fare videoconferenze e a lavorare da remoto. Ma bisogna strutturarla con contratti di lavoro opportuni. È quello che stiamo facendo perchè questo contenuto è all’interno del rinnovo del contratto”, afferma.

Poi aggiunge: “Non basta dire lavorare da casa, ma bisogna chiarire a quali condizioni salariali di produttività, di controllo, di efficienza. È un ulteriore elemento per valorizzare questo lavoro”.

Decreto proroghe, ok dal Cdm: niente obbligo di smart working al 50% nella PA

Stampa

Eurosofia, Corso sul nuovo PEI in ICF a cura della Dott.ssa Chiocca. Nei prossimi incontri esempi operativo/pratici a cura del Dott. Ciraci. Iscrizioni aperte