Smart working, Dadone: “Sarà una grande rivoluzione, indietro non si torna”

“Sarà una grande rivoluzione che andrà guidata, ma non deve spaventare perché ha degli effetti negativi. Non sarà drastica come durante il lockdown, sarà lo smart working come si conosce e si studia da anni”. Così Fabiana Dadone, ministro per la Pubblica Amministrazione, ai microfoni di Radio24.

Sullo smart working, insiste il ministro, “non si tornerà indietro perché l’esperienza è stata positiva, l’Italia ha fatto un salto in avanti  rispetto alle esperienze precedenti. La Pa come capofila di questa organizzazione è un senso di svolta”.

“Durante la pandemia – dice ancora Dadone – il tipo lavoro agile che abbiamo visto era d’emergenza ed era un’alternativa  al blocco completo degli uffici, così come nel privato sarebbe stato anche nel pubblico” ma dopo l’emergenza, dice, lo smart working “sarà regolamentato, non sarà cinque giorni su cinque, non ci sarà una  chiusura delle serrande degli uffici pubblici, ma sarà uno o due  giorni a settimana e non per tutti i tipi di lavoro”, spiega ancora il ministro.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia