Sloveno come seconda lingua, Fedeli: se lo chiedono i genitori ce ne dobbiamo fare carico

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Ministro Fedeli ha aperto, in data odierna, i lavori del 52° seminario di aggiornamenti per gli insegnanti delle scuole in lingua slovena.

La Fedeli ha affermato che, qualora i genitori chiedano l’insegnamento dello sloveno come seconda lingua, “dobbiamo affrontarlo”.

“La cosa importante – ha precisato – è chiarire l’origine della domanda”.

Il Ministro, come apprendiamo dall’Ansa, ha infine evidenziato che “il rapporto tra Slovenia e Italia è l’esempio di una società che integra le diversità culturali, per essere più ricca e più giusta, soprattutto per le giovani generazioni”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione