In Slovacchia, l’aumento degli stipendi dei docenti si traduce in tagli al personale

WhatsApp
Telegram

Giulia Boffa – In Slovacchia le regioni potrebbero dover licenziare centinaia di insegnanti delle scuole primarie e secondarie, in seguito all’aumento degli stipendi e alle modifiche dei finanziamenti alle scuole, decisi dal governo.

Giulia Boffa – In Slovacchia le regioni potrebbero dover licenziare centinaia di insegnanti delle scuole primarie e secondarie, in seguito all’aumento degli stipendi e alle modifiche dei finanziamenti alle scuole, decisi dal governo.

I rappresentanti di città e villaggi incontreranno oggi il Ministro dell’Istruzione Dusan Caplovic per discutere la questione. 
 
Le regioni di Bratislava e Kosice, ad esempio, ammettono che metà delle scuole di loro competenza avranno problemi finanziari se non si attuano licenziamenti: solo 
a Kosice si parla di 65 istituti secondari e 200 insegnanti da licenziare e si teme che le scuole potrebbero essere costrette a tagliare i bonus del personale per aumentare i loro stipendi base, il che significherebbe annullare il 5% di aumento promesso dal governo.
 
I governatori delle otto regioni hanno presentato ieri al ministro dell’Istruzione Dusan Caplovic una proposta, che suggerisce che comuni e regioni ricevano l’intero pacchetto dei fondi per gli stipendi del personale della scuola come previsto dal ministero, e li ripartiscano tra le singole scuole in base alle priorità reali identificate dagli enti locali, per cercare di salvare 30/40 scuole dalla chiusura. Al momento, infatti,  questa possibilità di ripartizione autonoma non viene concessa.
 
Il ministero continua a sostenere la necessità che gli enti regionali e locali continuino con l’opera di razionalizzazione degli istituti scolastici, senza preoccuparsi minimamente delle conseguenze sugli organici, promettendo per gli insegnanti risparmiati dai tagli più alti stipendi. 

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri