skuola.net: 1 studente su 5 a scuola non parla della Shoah con i docenti. I docenti cosa ne pensano?

di Lalla
ipsef

inviato in redazione – 1 studente su 5 a scuola non parla della Shoah con i docenti. Di conseguenza la stessa percentuale si dimostra poco informata sulla dimensione di questo fenomeno: circa il 18% non conosce nemmeno in linea di massima il numero di ebrei che hanno perso la vita all’interno dei campi di concentramento e altrettanti non sanno quando ricorre la Giornata della Memoria.

inviato in redazione – 1 studente su 5 a scuola non parla della Shoah con i docenti. Di conseguenza la stessa percentuale si dimostra poco informata sulla dimensione di questo fenomeno: circa il 18% non conosce nemmeno in linea di massima il numero di ebrei che hanno perso la vita all’interno dei campi di concentramento e altrettanti non sanno quando ricorre la Giornata della Memoria.

Nonostante questo, la scuola conferma il suo ruolo centrale nella trasmissione di conoscenze riguardanti la Shoah: il 68% degli studenti afferma che è grazie ai prof se ne sa abbastanza sulla vicenda storica.

È quanto emerso da un’indagine del portale specializzato Skuola.net su un campione di circa 900 studenti. Il tema dell’Olocausto sembra essere assente tra i banchi di scuola per circa il 20% degli studenti. Sono loro che confessano di non averne mai parlato con i loro insegnanti al di fuori dei programmi scolastici e questo dato si riflette sulla loro conoscenza sulle dimensioni del fenomeno: circa l’11% è convinto che ad aver perso la vita nei campi di concentramento sia stato solo qualche migliaio di ebrei, lo 0.4% qualche centinaio e, addirittura, circa il 7% non ne ha idea.

Ma la loro disinformazione storica non finisce qui. Infatti, se circa il 18% degli studenti non conosce quali sono state le proporzioni effettive della Shoah, tanto meno sa quando cade la Giornata della Memoria. Circa l’11% confessa di non ricordare esattamente la sua data, il 3% circa è convinto che sia il 31 gennaio e per il 2% cambia ogni anno. A non sapere nemmeno di cosa si sta parlando è circa il 2,5% degli intervistati.

Nonostante questi dati, la scuola continua a rivestire un ruolo fondamentale per la trasmissione della memoria. Infatti, il 68% degli studenti afferma di conoscere quello che sa grazie ai suoi insegnanti che ne hanno parlato in classe. Il 18%, invece, dice di ringraziare la sia famiglia, magari qualche nonno che ha vissuto nel periodo dell’Olocausto, amici e conoscenti. Ad aver creato in autonomia il proprio bagaglio di conoscenze sulla Shoah è circa il 10% dei ragazzi, mentre a non sapere nemmeno cosa questa sia è solo il 3% di loro.

Ma quanto è giusto per i ragazzi parlare della Shoah a scuola? Per il 75% molto. Si tratta di coloro fermamente convinti che è ricordando che non si commettono più gli stessi errori. 1 ragazzo su 5 è un po’ meno in accordo con questa tesi: ci sono fatti altrettanto gravi che meritano di essere discussi e ricordati. Ma c’è anche chi ritiene esagerata tutta questa attenzione nei confronti del fenomeno, il 6.5% degli studenti.

Info grafica https://infogr.am/shoah-dimenticata-dalla-scuola-per-1-studente-su-5?src=web

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare