Skuola.net, competenze in cittadinanza arma contro bullismo, dibattito non sia solo su ‘6’ politico

WhatsApp
Telegram

Anche le competenze in “Cittadinanza e Costituzione” al colloquio della Maturità, come contributo alla lotta contro il bullismo. A commentare questo aspetto del decreto sulla valutazione approvato oggi a Palazzo Chigi è Skuola.net.

“Tutto il dibattito sulle deleghe in questi mesi si era polarizzato praticamente su un solo tema: il paventato ritorno del 6 politico. Questo perché si ipotizzava di ammettere agli esami di Maturità tutti quelli che, pur insufficienti in alcune materie, avessero comunque la media del sei” fa notare il portale.

A Viale Trastevere “dimostrando un certo senso di pragmatismo” hanno deciso invece di vincolare l’ammissione al raggiungimento del 6 in tutte le materie concedendo una discrezionalità al consiglio di classe in caso di una sola insufficienza. “Anche senza la norma, era prassi tra i consigli di classe trasformare qualche 5 in un più rotondo 6” osserva Skuola.net aggiungendo che tuttavia “la Ministra ha sottolineato un aspetto che finora era mancato all’esame: non servirà solo a dare un voto inutile, tanto da non essere considerato nemmeno un po’ in nessun test d’ingresso universitario, ma certificherà la maturità dello studente in quanto cittadino, intanto non ammettendo quelli che hanno un voto in condotta inferiore al sei. E la Ministra ha voluto collegare questo aspetto proprio alle politiche contro il bullismo che il Miur sta portando avanti. E poi introducendo la valutazione delle competenze in ‘Cittadinanza e Costituzione’, che saranno anche oggetto di colloquio anche all’Esame di Maturità. Come anche a quello di Terza Media”.

“In un tempo in cui il bullismo e il cyberbullismo crescono tra gli adolescenti con percentuali a doppia cifra di anno in anno, conditi da episodi scioccanti come i fatti di Alatri, si sta cercando di dare un messaggio preciso al sistema scolastico. Non basta conoscere Dante e Manzoni, ma bisogna anche sapersi comportare e stare al mondo, dimostrando di conoscere le regole del gioco e della convivenza civile. Chiaramente questo dovrà essere supportato da azioni concrete nel corso degli studi, però è indubbio che una prima svolta è stata fatta. Peccato che tutti continueranno a commentare i provvedimenti di oggi come la sconfitta del 6 politico” conclude Skuola.net.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur