Il sito di Scuolazoo è on line: gli amministratori si difendono. Codacons: schermare scuole contro cellulari

WhatsApp
Telegram

Portale e pagina Facebook “sono online e visibili e le attività della community si stanno svolgendo regolarmente’’. Lo sostiene lo stesso sito, precisando che “in data 17 giugno è stato imposto dalla Polizia Postale, incaricata dal Tribunale di Milano, un ‘decreto di sequestro preventivo’” per una singola pagina, “prontamente modificata secondo le indicazioni ratificate ufficialmente’’.

Portale e pagina Facebook “sono online e visibili e le attività della community si stanno svolgendo regolarmente’’. Lo sostiene lo stesso sito, precisando che “in data 17 giugno è stato imposto dalla Polizia Postale, incaricata dal Tribunale di Milano, un ‘decreto di sequestro preventivo’” per una singola pagina, “prontamente modificata secondo le indicazioni ratificate ufficialmente’’.

“Nell’articolo contestato – prosegue ScuolaZoo – il testo è stato definito fuorviante in quanto poteva lasciare intendere agli studenti di poter fotografare le prove d’esame. ScuolaZoo sottolinea che il post modificato è una singola pagina sui 9.000.000 di pagine viste nel mese di maggio’’.

“Nessun’altra disposizione è pervenuta né ai Fondatori di ScuolaZoo né ai collaboratori – conclude la nota – che, come ogni anno, continuano ad accompagnare i maturandi in questo percorso di crescita, con l’entusiasmo che da sempre contraddistingue la community’’.

In mattinata, era circolata la notizia di una denuncia da parte della Polizia postale, che in questi giorni ha svolto un serrato monitoraggio della Rete e in particolare dei siti specializzati sulla scuola. Questo perché sembrava che si potesse mandare una foto della traccia del tema per ottenere online su WeChat l’elaborato svolto.

Con lo slogan ‘Maturando disperato? Ti aiuta ScuolaZoo con l’account di WeChat’, infatti, il sito pubblicizzava un servizio di aiuto nello svolgimento degli esami attraverso l’applicazione e lo smartphone.

Sempre in giornata, il Codacons – convinto che “impedire l’uso di telefoni cellulari durante le prove di maturità è diventato oramai impossibile” – ha chiesto al ministero dell’Istruzione di “adottare misure drastiche volte a garantire la regolarità delle prove d’esame’’.

Sotto sequestro il sito Scuolazoo.it, prometteva le soluzioni ai maturandi

 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur