Sisma centro Italia, Rete studenti Lazio esprime solidarietà a popolazioni colpite dal terremoto

di redazione
ipsef

Comunicato Rete Studenti Lazio – Questa mattina l’ennesima scossa di terremoto ha svegliato il Centro Italia intorno alle 7:40, con una magnitudine di 6,5 (INGV) sulla scala Richter. Uno delle migliaia di episodi che interessano le zone ad alto rischio sismico lungo l’Appenino, messi sotto la lente d’ingrandimento dei media nazionali dal 24 agosto di quest’anno.

I nostri pensieri ora vanno alle popolazioni colpite duramente da queste ultime settimane di elevata attività nel sottosuolo, che hanno causato non poca paura, confusione e danni alle loro vite quotidiane. Dobbiamo però allo stesso tempo sottolineare la necessità di fare migliore prevenzione, a partire dalle scuole e dagli studenti per arrivare poi alla messa in sicurezza degli edifici, sia residenziali che di interesse storico-culturale.

“Che il nostro sia un Paese a rischio sismico è cosa risaputa. Per questo non è sufficiente muoversi solo dopo i disastri, anche con la massima tempestività, impegno e volontà del sistema dei soccorsi e della Protezione Civile nazionale” – dichiara il Segretario Generale Matteo Oi – “occorre un’opera di prevenzione capillare nel territorio. Ora per noi è fondamentale assicurare che le scuole di ogni ordine e grado siano in sicurezza nei comuni interessati maggiormente dal sisma.”

“Pensiamo di più a ciò che serve veramente alle persone colpite da questi drammatici eventi” – continua il Segretario – “e evitiamo le solite chiacchiere da bar che si scatenano sui social a causa della disinformazione e dell’analfabetismo funzionale dilagante.”

Cordiali saluti,

Andrea Russo

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione