Sisma. Approvato il decreto legge: semplificate le procedure per ricostruzione scuole

WhatsApp
Telegram

Il governo approva il decreto legge “in favore delle popolazioni” vittime del terremoto di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo – il terzo in quattro mesi – per cercare di superare l’impasse e far fronte a quella che il premier Gentiloni definisce una “situazione senza precedenti”.

“Dobbiamo essere tutti consapevoli – dice al termine del Cdm – della gravità degli eventi che hanno colpito il centro Italia. Il paese intero, a partire dalle istituzioni, e l’Unione europea, devono avere la consapevolezza di quel che è accaduto”.

Dopo il sit in di centinaia di cittadini provenienti dalle aree terremotate è fondamentale prendere degli impegni: vanno tolte le macerie dai paesi devastati, vanno concluse in fretta le verifiche di agibilità, vanno ricostruite scuole e infrastrutture strategiche, va rilanciato il lavoro.

“Ci sono fondi nella legge di bilancio – dice Gentiloni – altre centinaia di milioni sono in questo decreto e nella lettera a Bruxelles è stato già anticipato che servirà almeno un altro miliardo per il 2017”.

“Le risorse ci sono e ci saranno – conferma Errani – Bisogna dare sicurezze a queste persone che stanno vivendo un dramma profondo”.

Tra i capitoli d’intervento c’è quello relativo alle scuole e anche in questo caso verranno semplificate le procedure per le gare d’appalto. Ma ciò non significa eliminare i controlli, visto che per la scrittura delle norme, dice Gentiloni, “abbiamo lavorato gomito a gomito con l’Anac e con il presidente Raffaele Cantone”.

“La nostra strategia – spiega Errani – rimane scuola e lavoro. Sono le due scelte che tengono unita la comunità”. Il Commissario garantisce anche che “non ci saranno interruzioni nei lavori” e che tutto sarà ricostruito “con trasparenza e qualità”. Proprio per questo il testo prevede che venga realizzata una microzonazione sismica di terzo livello in tutti i comuni del cratere, per poi costruire in sicurezza.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO