Sinner: “Auguro ai bambini dei genitori come i miei, mi hanno lasciato seguire i miei sogni”

WhatsApp
Telegram

Una vittoria memorabile ha segnato la storia del tennis italiano agli Australian Open. Jannik Sinner, 22enne altoatesino, ha conquistato il suo primo trofeo del Grande Slam dopo una finale mozzafiato contro il russo Daniil Medvedev, numero 3 al mondo.

La partita, durata 3 ore e 44 minuti, si è conclusa con il punteggio di 3-6 3-6 6-4 6-4 6-3, testimoniando una rimonta eccezionale.

Sinner, partito in svantaggio di due set, ha dimostrato una tenacia e un’abilità straordinarie, ribaltando il risultato contro un Medvedev che sembrava inarrestabile. Il successo segue la storica semifinale in cui Sinner ha battuto il dieci volte campione del torneo, Novak Djokovic, consolidando il suo posto nell’elite del tennis mondiale.

Le prime parole di Sinner da campione sono state di elogio per Medvedev e di gratitudine verso il suo team e la sua famiglia. Il tennista italiano ha sottolineato l’importanza del supporto ricevuto dai genitori, fondamentale nel suo percorso verso il successo: “Spero che in futuro anche Medvedev possa alzare il trofeo da me conquistato oggi, ma sono sicuro che ci riuscirà. Io e il mio team cerchiamo di diventare più forti ogni giorno. Anche durante il torneo abbiamo provato a migliorarci costantemente e capire ogni situazione sempre meglio. So che per la mia squadra non è sempre facile perché sono ancora giovane. Auguro a tutti di avere dei genitori come i miei in quanto mi hanno permesso di inseguire i miei sogni senza mai farmi pressione”.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA