Sindaco di Vignola “A scuola studenti con HIV, ma non chi è senza vaccino”. La polemica

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Perché i bimbi malati di Hiv a scuola e chi è senza vaccini no?”, ha affermato il sindaco di Vignola Simone Pelloni, della Lega Nord.

Parole che hanno inevitabilmente scatenato numerose polemiche. E’ intervenuto il segretario regionale del PD, Paolo Calvano, definendo “inaccettabili” le parole del sindaco e in post su Facebook commenta “quelle pronunciate da Pelloni mettono a confronto due situazioni incomparabili e discriminando i bambini immunodepressi, ad esempio malati di Aids. Un bambino con malattie immunodepressive, non può vaccinarsi ma ha diritto ad andare a scuola”.

Il sindaco ha poi smorzato la polemica con queste parole “Durante l’incontro sull’obbligo vaccinale nelle scuole – ha spiegato Pelloni – ho semplicemente voluto evidenziare ciò che mi pare una completa assurdità: se un bambino dai 0 ai 6 anni non è vaccinato viene escluso dal nido o dalla scuola materna, mentre dai 6 ai 16 anni è sufficiente che i genitori paghino la multa e può andare a scuola anche senza vaccinazione». «Quanto al tema dei bambini malati di Aids, Pelloni ha spiegato: “Le mie dichiarazioni riportate sulla stampa facevano parte di un discorso ben più ampio e articolato» ha aggiunto, invitando tutti a rivedere il video sotto accusa in cui ha discusso la questione.”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione