Sindaco di Rozzano: a scuola mensa gratis per tutti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Misura al momento unica in Italia: tutti gli alunni potranno pranzare gratis a scuola. E’ la scelta del primo cittadino di Rozzano Gianni Ferretti (Forza Italia): “Ma le famiglie paghino i debiti arretrati con il Comune”.

A Rozzano, un comune di circa 42 mila abitanti nel Milanese, da martedì, con l’inizio delle lezioni, gli alunni, indistintamente che provengano da famiglie povere o agiate, avranno la mensa gratis. Una scelta, per ora, unica in Italia, che interessa le scuole materne, elementari e medie, per un totale di 4500 studenti e di oltre due milioni di euro di spesa. Esclusi i non residenti, che continueranno invece a pagare i pasti.

Il costo della mensa negli anni precedenti variava in base all’Isee dichiarato dalle famiglie, aggirandosi da circa 1,50 euro a pasto fino a quasi 6 euro.

Gianni Ferretti di Forza Italia, eletto sindaco nel giugno scorso, chiede però che le famiglie paghino presto i debiti arretrati con il Comune.

“Consideriamo la refezione scolastica parte integrante di un percorso educativo e lo valutiamo come un diritto costituzionale” spiega Ferretti, che aveva messo al centro della campagna elettorale proprio questa iniziativa.

L’ex sindaco, Barbara Agogliati (PD) non è però pienamente d’accordo con la scelta del Comune e dichiara che seppur si tratti di “una manovra che va incontro alle famiglie, non potrà durare perché i Comuni sono ridotti all’autosufficienza”. Il consigliere d’opposizione poi chiede: “E se le famiglie morose nonostante tutto ancora non pagheranno, cosa succederà ai loro figli?”.

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione