Sindacati in protesta: contratto, precariato, stipendio. Cambiare legge di stabilità

di redazione
ipsef

red – FLCGIL, CISL, UIL e Gilda chiedono apertura di un dialogo con le forze politiche per affrontare le principali questioni che affliggono il mondo della scuola. Oggi davanti a Montecitorio.
Cisl. Sindacati scuola in piazza, scatti e contratto, più valore alla scuola

red – FLCGIL, CISL, UIL e Gilda chiedono apertura di un dialogo con le forze politiche per affrontare le principali questioni che affliggono il mondo della scuola. Oggi davanti a Montecitorio.
Cisl. Sindacati scuola in piazza, scatti e contratto, più valore alla scuola

Questa mattina docenti a tempo determinato, precari e studenti, hanno partecipato alla manifestazione organizzata dai sindacati firmatari del contratto. Il corteo, partito intorno alle 10 del mattino si è snodato da piazza dell’Esquilino, via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali, piazza Venezia, via Cesare Battisti e piazza Santi Apostoli

Dalle due sit-in davanti a Montecitorio dove ci sono anche l’Unione degli Universitari e la Rete degli studenti medi accanto ai lavoratori della conoscenza per protestare contro la legge di stabilità.

Cosa chiedono i sindacati:

  • Un piano pluriennale di investimenti, per allineare la spesa per istruzione e formazione alla media europea; le risorse vanno trovate aggredendo la spesa pubblica improduttiva, rendendo meno oneroso l’assetto politico istituzionale, eliminando sprechi contrastando l’utilizzo improprio delle risorse pubbliche combattendo la scandalosa evasione fiscale, intervenendo sulle rendite finanziarie.
  • Il rinnovo del contratto nazionale e il pagamento degli scatti di anzianità, a partire dall’annualità 2012, con il reperimento delle economie appostate nei bilanci del Mef e del Miur.
  • La stabilità degli organici, con l’introduzione dell’organico funzionale e pluriennale.
  • Continuità e prospettiva, a partire dal nuovo piano triennale di assunzioni, ai percorsi di stabilizzazione del personale su tutti i posti disponibili e vacanti per docenti ed ATA.
  • Un piano nazionale di formazione per docenti, personale educativo, ATA e dirigenti, sostenuto da adeguate risorse.
  • Il ripristino delle posizioni economiche orizzontali del personale ATA.
  • La risoluzione delle questioni aperte su inidonei e docenti ITP (C999 e C555) e sui pensionamenti “quota 96”.
  • Garanzia del sostegno agli alunni disabili.

Il video servizio della GildaTv

Versione stampabile
anief anief
soloformazione