Sindacati proclamano stato di agitazione, verso lo sciopero: aumenti stipendiali e assunzione precari docenti e ATA

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I sindacati FLCGIL, CISL, UIL, SNALS  e Gilda hanno proclamato lo stato di agitazione del comprato Istruzione e Ricerca. Hanno richiesto un tentativo di conciliazione ai sensi dell’art. 4 dell’allegato
al CCNL/1998-2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 in attuazione della legge 146/90.

Se il tentativo di conciliazione fallirà, i sindacati procederanno ad indire lo sciopero per una giornata di Maggio. Queste le richieste relative al comparto scuola

Rinnovo del Contratto

I sindacati chiedono innanzitutto la salvaguardia della sua dimensione nazionale contro ogni ipotesi di regionalizzazione del sistema di istruzione e della ricerca.

I sindacati ritengono che le risorse stanziate per il rinnovo nella legge di bilancio 2019 sono assolutamente insufficienti per concludere la  trattativa.

Occorrono, affermano le sigle sindacali, inoltre risorse aggiuntive per superare quella che è una vera e propria emergenza salariale e ridurre così il divario stipendiale esistente rispetto alla media dei paesi Ocse.

La richiesta è la sottoscrizione, con urgenza, di un nuovo CCNL per il triennio 2019-2021 che affronti le seguenti questioni: diritti, doveri e salari identici su tutto il territorio nazionale, contro ipotesi di regionalizzazione degli stessi.

Stabilizzazione precari

I sindacati chiedono di individuare una fase transitoria che riguardi i docenti di II e Terza fascia ai fini della stabilizzazione del lavoro nella scuola su tutti i posti disponibili, ivi compresi quelli che si libereranno per effetto dell’introduzione della quota 100 ai fini pensionistici.

Per il personale ATA si chiede di procedere ad un piano straordinario di assunzioni su tutti i posti liberi, alla riattivazione della mobilità professionale (art. 48 Ccnl 2007), al riavvio delle posizioni economiche (art. 50 Ccnl 2007), alla semplificazione amministrativa per eliminare confusioni e conflitti di competenza di altri Enti pubblici

Il comunicato integrale dei sindacati

Versione stampabile
anief banner
soloformazione