I sindacati chiedono assunzione di tutti i precari, anche in più anni: manifestazione il 25 marzo

di redazione
ipsef

Il piano straordinario di assunzioni deve riguardare tutti i precari, compresi quelli con 36 mesi di servizio che non sono nelle GAE, prevedendo a tal fine anche una gestione pluriennale.

Il piano straordinario di assunzioni deve riguardare tutti i precari, compresi quelli con 36 mesi di servizio che non sono nelle GAE, prevedendo a tal fine anche una gestione pluriennale.

Lo affermano i sindacati FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS Confsal e GILDA Fgu che per questo motivo manifesteranno davanti alla Camera dei Deputati mercoledì 25 marzo 2015 alle ore 15.

Dopo il successo dello sciopero di ieri proclamato dal sindacato Anief e i sit in davanti al Parlamento e al Miur, anche le forze sindacali rappresentative escono allo scoperto contro la bozza di DDL.

Soluzioni vanno trovate – affermano le forze sindacali – anche per gli idonei al concorso e per i precari con 36 mesi senza abilitazione.

La stabilizzazione del lavoro deve essere assicurata anche a tutto il personale Ata precario.

Da cancellare infine dal ddl, perché illegittima, la norma sul divieto di assunzione a tempo determinato dopo 36 mesi di supplenza. La norma suscita infatti notevole preoccupazione, soprarutto tra coloro che hanno già raggiunto il limite delle supplenze di 36 mesi su posto vacante e disponibile. "Precari a casa dopo 36 mesi di servizio": per mille il problema già dal 2015/16. Un chiarimento su "posti vacanti e disponibili".

Lo speciale di OrizzonteScuola.it su La Buona Scuola

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare