Sidoti (ANPE), il pedagogista è figura determinante nella scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Massimo Luciano Sidoti Pedagogista, Docente MIUR – In qualità di delegato Nazionale ANPE vorrei esprimere e condividere il mio punto di vista soprattutto con il futuro governo.

Nel mondo della scuola il pedagogista tende ad educare e formare……. A tirare fuori il meglio di noi…. Lo psicologo nel mondo della scuola tende ad analizzare la nostra parte oscura e capire ciò che non va in noi……… Sono due cose distinte e separate……. Ecco perchè a scuola la figura del pedagogista è determinante, mentre la figura dello psicologo serve da supporto.

L’esperienza professionale del pedagogista non è limitata esclusivamente al potenziamento didattico e ai metodi alternativi di insegnamento-apprendimento anzi, collabora egregiamente con servizi di neuropsichiatra infantile operando con ragazzi con disabilità, con i servizi sociali, con i servizi di salute mentale, con la patologia autistica.

Il pedagogista non si occupa esclusivamente di scuola e didattica ma esercita le proprie conoscenze, competenze ed abilità professionali nel campo dell’educazione informale e non formale e sicuramente conosce bene i limiti della propria professione. Interviene sulle emergenze, sulle evidenze delle persone per far emergere eventuali vissuti da non saper e poter giustamente gestire da solo ma in team con lo psicologo.

Il pedagogista si limita a “ tirar fuori “ risorse e competenze per fare emergere quelle componenti educative al fine di migliorare la relazione e la competenza educativa genitoriale affinché insieme, scuola e famiglia, possano dare le giuste risposte, i giusti supporti ai ragazzi.

Avendo una formazione multidisciplinare, ci serviamo delle conoscenze psicologiche, sociologiche ed antropologiche per leggere con maggiore vigore e rigore scientifico le realtà entro le quali operiamo e siamo sicuramente pronti( in virtù della nostra formazione) a saper e a voler indirizzare verso altri servizi e professionisti le persone di cui ci “ prendiamo cura” nel senso pedagogico del termine, le persone che “ ci stanno a cuore. nel senso curativo-clinico- riabilitato del termine.

Cari pedagogisti continuate a lavorare a testa alta , nella consapevolezza che l’uomo rimane l’unico artefice del suo destino.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione