Sicurezza scuole: una petizione dei dirigenti scolastici per chiedere modifiche alla legge

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sul problema delle responsabilità dei dirigenti scolastici in materia di sicurezza nelle scuole, i sindacati Flc-Cgil, Cisl-Scuola, Uil-Scuola e Snals hanno chiesto al MIUR un preciso impegno a sostegno delle proposte di legge presentate alla Camera.

I sindacati hanno messo a disposizione di tutti i dirigenti scolastici uno schema di petizione da inviare alla Presidente della Camera dei Deputati, ai Presidenti delle Commissioni Parlamentari VII (Cultura) e XI (Lavoro) e alla Ministra dell’Istruzione, della Ricerca e dell’Università per sollecitare la discussione delle proposte di Legge attualmente all’esame del Parlamento per la revisione delle parti del D.L.vo 81/2008 relative al riparto di responsabilità sulla sicurezza sugli edifici scolastici e la loro manutenzione ordinaria e straordinaria.

Il testo della petizione si può firmare e inviare ai seguenti indirizzi: [email protected] (Presidente della Camera); piccoli­[email protected] e [email protected] (Presidente VII e XI Commissione della Camera); [email protected] (Ministra dell’Istruzione).

Ecco parte del testo:

I Dirigenti Scolastici Italiani da anni vivono una situazione di grande preoccupazione perché il confuso riparto delle competenze li espone a pesanti conseguenze penali, civili e patrimoniali, attribuendo ad essi responsabilità che sono ingiuste e che non sono sostenibili.

Le proposte di legge (C. 3830 e C. 3963) di modifica degli articoli 13, 17 e 18 del Decreto Legislativo 81/2008, presentate alla Camera dei Deputati nei mesi di maggio e luglio 2016, propongono finalmente di fare chiarezza e di sollevare i dirigenti scolastici dalle responsabilità relative alle condizioni ed alla sicurezza degli edifici assegnati alle istituzioni scolastiche: le responsabilità relative agli edifici scolastici debbono essere attribuite ai soggetti che li forniscono e hanno le risorse necessarie a mantenere nel tempo la loro adeguatezza alle norme di sicurezza e che devono conseguentemente effettuare la valutazione dei rischi derivanti dal loro utilizzo.

Chiedo quindi anche io, insieme agli altri sottoscrittori di questa petizione, che la Camera dei Deputati della Repubblica discuta le proposte di legge dando finalmente una risposta non solo ai dirigenti scolastici ma soprattutto ai milioni di cittadini italiani che frequentano la scuola pubblica statale e che, da un chiarimento sulle responsabilità e sulle competenze relative alla sicurezza degli edifici scolastici, avrebbero certamente un beneficio.

Firmato

il Dirigente Scolastico

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare