Sicurezza dirigenti scolastici, Udir presenta proposte emendative al Decreto Legge Semplificazione

Il testo del Decreto Legge Semplificazione è attualmente in esame alla Camera dei Deputati in I e VIII Commissione. Il sindacato Udir si è sempre occupato dei problemi sulla sicurezza che coinvolgono le istituzioni scolastiche e i dirigenti. È un tema fondamentale che va affrontato in tutte le sedi possibili.

Marcello Pacifico (Udir): “Riteniamo la sicurezza dei nostri alunni e di tutto il personale della scuola una priorità che va affrontata subito e in maniera efficace. Auspichiamo che ogni dirigente possa lavorare con serenità senza pagare per colpe che non sono di propria, diretta, responsabilità

Per consultare integralmente le proposte emendative Udir, cliccare qui

Il testo del Decreto Legge Semplificazione è attualmente in esame alla Camera dei Deputati in I e VIII Commissione. Il sindacato Udir, sin dalla nascita, si è occupato dei problemi sulla sicurezza che coinvolgono le istituzioni scolastiche e i dirigenti; infatti, la sicurezza è un tema fondamentale che va affrontato in tutte le sedi possibili e richiede il coinvolgimento in sinergia della politica, dell’amministrazione centrale e dei dirigenti scolastici. La gestione della popolazione scolastica di ogni istituto è molto complessa e muove ogni giorno migliaia di studenti oltre al personale scolastico tutto.

Con la pandemia da Covid-19 le questioni sicurezza e responsabilità sono tornate prepotentemente mostrando le molte lacune che da anni, come sindacato, Udir cerca di far affrontare alla politica. In occasione della conversione in Legge del Decreto semplificazioni DDL AC 3146 Udir ha segnalato diverse proposte emendative incentrando l’azione sulla sicurezza, ma anche sulle responsabilità affrontate ogni giorno dai nostri presidi che, come abbiamo sempre ricordato, sono considerati datori di lavoro anche dal Testo unico 81/08, ma che in realtà sulla sicurezza non hanno nessun potere di spesa tipica dei datori di lavoro e sono affidatari nella gestione di immobili di proprietà degli enti locali.

Udir ha concentrato le sue proposte tutelando i dirigenti attraverso la richiesta di maggiore autonomia nella spesa per gli interventi sulla sicurezza, ma anche dell’esonero nelle responsabilità sia civili che penali quando vengono rispettate tutte le procedure previste dalla normativa e non vi sia colpa o dolo. Il sindacato inoltre ha anche richiesto diverse modifiche al Testo sulla sicurezza per rendere strutturali queste modifiche.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, ha detto che “riteniamo la sicurezza dei nostri alunni e di tutto il personale della scuola una priorità che va affrontata subito e in maniera efficace. Auspichiamo che ogni dirigente possa lavorare con serenità senza pagare per colpe che non sono di propria, diretta, responsabilità”.