Si suicida a 15 anni perché allergica al wi-fi della scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Jenny, britannica, si è tolta la vita a 15 anni dopo aver sviluppato l’ “allergia da wifi”, una patologia che consiste nello sviluppare una sensibilità particolare alle onde della connessione senza fili.

Allergia al wi-fi: i sintomi

La ragazza aveva gravi disturbi: era paralizzata, aveva forti mal di testa, non riusciva a controllare i propri muscoli ed era anche diventata incontinente. I tessuti si fanno più sottili e le onde elettromagnetiche vengono assorbite con più facilità provocando diverse conseguenze, dal mal di testa alle vertigini fino all’epistassi.
Ha sofferto così per due anni, finchè non ha deciso di uccidersi.

La decisione del suicidio al ritorno a scuola

La ragazza stava meglio in estate, lontana dal wifi, ma a settembre a scuola le sue condizioni sono nuovamente peggiorate. Nel 2015, in preda alla disperazione, ha mandato un messaggio ad un amico a cui ha annunciato la sua decisione di togliersi la vita, il ragazzo non è riuscito a fermarla.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione