Si è spento Giorgio Orelli, poeta del post-ermetismo

WhatsApp
Telegram

GB – Si è spento all’età di 92 anni Giorgio Orelli, scrittore, poeta e critico svizzero di lingua italiana, considerato uno dei principali esponenti del filone della poesia post-ermetica.

Nato ad Airolo, nel Canton Ticino, il 25 maggio 1921, viveva a Bellinzona, dove aveva insegnato lettere alla Scuola cantonale di commercio e in seguito al Liceo cantonale.

GB – Si è spento all’età di 92 anni Giorgio Orelli, scrittore, poeta e critico svizzero di lingua italiana, considerato uno dei principali esponenti del filone della poesia post-ermetica.

Nato ad Airolo, nel Canton Ticino, il 25 maggio 1921, viveva a Bellinzona, dove aveva insegnato lettere alla Scuola cantonale di commercio e in seguito al Liceo cantonale.

A Bellinzona Giorgio Orelli – che aveva studiato a Friburgo sotto la guida di Gianfranco Contini – è stato docente di letteratura italiana alla Scuola Cantonale di Commercio e poi al Liceo Cantonale.

Tra le sue opere ricordiamo: "Né bianco né viola" (1944), il suo primo titolo, seguito da "Prima dell’anno nuovo" (1952) e da altri dieci titoli, tra cui "Il collo dell’anitra" (Garzanti, 2001). Tra i suoi editori, anche Scheiwiller e Arnoldo Mondadori.

Aveva vinto, tra gli altri, il Premio Chiara nel 2001 e nel 2012 il Premio Schiller e oltre alla sua poesia è ricordato anche per le sue narrazioni, per i suoi saggi – soprattutto "Accertamenti verbali" dedicato alla letteratura italiana – e per le sue traduzioni (in particolare una apprezzata scelta delle poesie di Goethe).

 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur