Si rispettino i bandi dei concorsi scuola. Lettera


item-thumbnail

Inviato da Francesco Gargiulo – Sono un docente, uno dei tanti docenti precari con 13 anni di servizio, un cosiddetto precario storico.

Ogni anno mi ritrovo dinanzi alla stessa querelle per le assunzioni. GAE GM 2016, GMR2018 e chi più ne ha più ne metta.

Ogni anno ognuno tira acqua al proprio mulino, tutti siamo più bravi e meritevoli di tutti gli altri. Tutti a rincorrere l’agognato ruolo. Mi rendo conto che non servirà a molto scrivere e mi attirerò le antipatie di molto ma credo che essendo in uno stato di diritto tutte queste diatribe potrebbero essere risolte semplicemente facendo rispettare ciò che la legge prevede, ciò che i bandi, nel momento in cui sono emanati dettano.

Quando si partecipa ad un concorso si accettano quelle che sono le condizioni e non si può poi approfittando del politico di turno cambiare le regole del gioco. Tutto ciò genera confusione e frustrazione, non si possono continuare a bandire concorsi con graduatorie strapiene senza restare incollati alla realtà ma solamente per far cassa.

E’ vergognoso il solo poter pensare di annullare un concorso pubblico dopo che è stato espletato e di riporre le gmr 2018 in coda al 2016. A questo punto chi risarcisce i docenti che vi hanno partecipato e si sono ritrovati nuovamente fuori dal gioco dei ruoli? Il tutto avallato dai sindacati che dovrebbero tutelare i lavoratori e invece sguazzano nella confusione creata per il mancato rispetto ed il continuo e irrispettoso valzer politico. Alcuni sindacati rispondono che sono scollato dalla realtà; non credo proprio, la realtà dovrebbe essere fatta di bandi certi e non di continue modifiche per accontentare le esigenze dei docenti di turno.

Iniziamo a rispettare le leggi e i bandi e non a crearne di nuove ad hoc. I docenti precari esigono rispetto e non promesse e incertezze. Il nostro contributo è stato reale e concreto anche in questa pandemia e dovrebbe essere reale e concreto l’impegno ad assumerci tutti nel rispetto delle leggi e dei bandi di concorso.

Versione stampabile
soloformazione