Si può bocciare in prima media? Consiglio di Stato: no, valutazione va fatta su base biennale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si può bocciare in prima media? No, secondo il Consiglio di Stato.

I fatti

Al termine della prima media, uno studente di una scuola di Scandiano, come riferisce l’Ansa, è stato bocciato per le numerose insufficienze riportate.

La non ammissione è stata ribaltata in seguito ad un ricorso dei genitori dello studente, ma la vicenda è proseguita ed il TAR ha dato ragione al consiglio di classe, sostenendo che il ragazzo presentava carenze scolastiche a causa dei voti riportati durante l’anno.

I genitori, allora, si sono rivolti al Consiglio di Stato.

La decisione

Il Consiglio di Stato, ribaltando la sentenza del TAR, ha disposto la promozione dello studente, nonostante le numerose insufficienze.

La decisione è stata motivata con il fatto che, ai fini della valutazione nel passaggio dalla scuola primaria a quella secondaria di I grado, bisogna prendere in considerazione periodi più ampi.

Per gli studenti di prima media, dunque, la valutazione dell’andamento scolastico, stando alla decisione del CdS, va effettuata  su base biennale.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione