Si può licenziare un dipendente se risulta irreperibile nel periodo di ferie? Secondo la Cassazione, no

di redazione
ipsef

red – La Cassazione si è pronunciata giorno 3 dicembre 2013 sul caso di un Ente Pubblico che ha licenziato un dipendente risultato irreperibile (con impossibilità ad essere richiamato) durante il suo periodo di ferie.

red – La Cassazione si è pronunciata giorno 3 dicembre 2013 sul caso di un Ente Pubblico che ha licenziato un dipendente risultato irreperibile (con impossibilità ad essere richiamato) durante il suo periodo di ferie.

La sentenza è la n. 27057 e confuta l’azione dell’Ente. La Suprema Corte ha affermato se è ben vero che il lavoratore ha l’obbligo di comunicare la propria residenza, se diversa dalla dimora abituale (necessaria per inviare eventuali comunicazioni), ciò si arresta di fronte alle ferie che sono un bene costituzionalmente garantito che si coniuga con la privacy che abilità il lavoratore ad andare dove vuole per recuperare le proprie energie psico-fisiche, cosa difficile se, quotidianamente, si debbono indicare le coordinate per esser reperibile.

Inoltre, il datore di lavoro si era appellato ad uno specifico articolo del CCNL del comparto, giustificando la necessità di contatto con il sottoposto al fine di modificare i giorni di ferie. La Corte ha risposto che il datore può ben revocare e spostare in avanti le ferie, ma lo deve fare prima che queste inizino.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione