Si può criticare la moglie di Cesare? Lettera

Stampa

Si può criticare la moglie di Cesare?

Si può criticare la moglie di Cesare?

No, cari amici, non si tratta di "buon gusto" o di "rispetto". Giulio Cesare, mica un Razzi qualsiasi, diceva: "la moglie di Cesare deve essere al di sopra di ogni sospetto". E al primo sospetto la… fece dimettere da moglie *.

Noi non pretendiamo questo da Renzi (chi se lo prenderebbe, poverino) e nemmeno che si dimetta lui (comunque cosa gradita).

Il punto è che, se metti in piedi una schifezza come la chiamata diretta, i sospetti nascono facilmente. Specie quando vedi presidi che chiedono alle aspiranti prof se hanno figli piccoli, o hanno intenzione di averne, altri che chiedono video di presentazione rigorosamente a figura intera, per meglio rendersi conto delle competenze delle candidate. Ed altri che sottopongono gli aspiranti a una trafila di domande incalzanti e a volte imbarazzanti sulle loro propensioni e abitudini.

Tralasciamo la pratica tristemente nota di pubblicare "requisiti" tagliati su misura per un candidato che, ovviamente, il dirigente conosce già, o quella tutta italiana dell'amico dell'amico dell'amico, tanto sono cose che tutti sapete. Ma la moglie di Cesare, almeno quella, ce la potevano risparmiare.

* la storia c'è persino su Wikipedia, alla voce "Pompea Silla"

firmato Luigi Cozza, docente

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur