Si diventa insegnanti tra i banchi, con gli alunni. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Assunta D’Aquino – Volevo rassicurare le colleghe e i colleghi GaE, SFP e TFA che i DM non sono stati salvati dal Decreto dignità, ma sono solo “congelati “,

Assunta D’Aquino – Volevo rassicurare le colleghe e i colleghi GaE, SFP e TFA che i DM non sono stati salvati dal Decreto dignità, ma sono solo “congelati “,

siamo stati posti in standby al fine di assicurare un corretto avvio dell’anno scolastico. Il nostro licenziamento e l’estromissione dalle Gas si realizzeranno fra 4 mesi, ad anno scolastico avviato.

Quello che mi addolora oltre al licenziamento, è il clima di astio che si è creato, per non parlare del fango che ci viene sputato addosso da colleghe e colleghi.

Capisco la rabbia e la delusione, ma definirci incompetenti, incapaci, ignoranti, furbi e ladri è troppo. Siamo persone, lavoratori e lavoratrici della scuola che si impegnano e si dedicano al loro lavoro nonostante le tante maldicenze.

Alcuni di noi sono laureati, io per esempio in giurisprudenza, altri in lettere o lingue o altro ancora e soprattutto continuiamo a formarci… Non dimentichiamo che quando noi ci siamo diplomati l i corsi in SFP non esistevano, quindi abbiamo intrapreso altre strade continuando a fare supplenze.

Ora vogliamo sostenere che dieci, quindici o venti anni di esperienza non contano nulla? O vogliamo dire che abbiamo insegnato illegalmente? Se così è allora vuol dire che il MIUR ci ha affidato per tanti anni (illegalmente?!?) intere classi e bambini a cui non abbiamo dato nulla? Allora i genitori di quei bambini dovrebbero agire in qualche modo…

Ripeto, capisco la vostra rabbia e il valore che date al concorso, ma siete sicuri di superarlo tutti al primo tentativo? E cosa vi autorizza a dire che i DM non vogliono fare il concorso o che non lo hanno superato perché ignoranti? Conoscete così a fondo la situazione di ognuno?

È giusto che ciascuno si faccia paladino dei propri diritti, ma forse è il caso di abbassare i toni e suggerire a chi di dovere soluzioni utili piuttosto che continuare a offendere…

Ricordiamoci, inoltre, che si diventa insegnanti tra i banchi, con gli alunni, e che l’insegnamento non è fatto solo di nozioni apprese sui libri. Buona vita a tutti.

Diplomati magistrale, Miur: 4 mesi per eseguire le sentenze. Chi riguarda

Versione stampabile
anief anief
soloformazione