Si chiede la collaborazione di docenti e genitori affinchè i bambini disabili abbiano l’insegnante specializzato

Di Lalla
Stampa

dott.a Clara Calvacchi – Nell’incontro al MIUR, del 29 settembre 2011, la dott.a Clara Calvacchi rappresentante degli studenti nel Consiglio di Facoltà di Scienze della Formazione dell’Aquila e Coordinatore ANIEF della provincia dell’Aquila, ha fatto presente al consigliere del Ministro Max Bruschi, che gli abilitati esclusi dalle GAE, non possono accedere nemmeno alle supplenze, poiché i Dirigenti Scolastici in caso di supplenze su posti di sostegno, preferiscono chiamare docenti non abilitati, ma inseriti nelle GAE o nelle GI, MA NON CHIAMANO GLI ABILITATI , che hanno dato la disponibilità alla scuola attraverso la MAD (messa a disposizione).

dott.a Clara Calvacchi – Nell’incontro al MIUR, del 29 settembre 2011, la dott.a Clara Calvacchi rappresentante degli studenti nel Consiglio di Facoltà di Scienze della Formazione dell’Aquila e Coordinatore ANIEF della provincia dell’Aquila, ha fatto presente al consigliere del Ministro Max Bruschi, che gli abilitati esclusi dalle GAE, non possono accedere nemmeno alle supplenze, poiché i Dirigenti Scolastici in caso di supplenze su posti di sostegno, preferiscono chiamare docenti non abilitati, ma inseriti nelle GAE o nelle GI, MA NON CHIAMANO GLI ABILITATI , che hanno dato la disponibilità alla scuola attraverso la MAD (messa a disposizione).

Questa ulteriore discriminazione aggrava ulteriormente la situazione di abilitati ESCLUSI TOTALMENTE DALL’INSEGNAMENTO, sono già 2 anni che non possono accedere nemmeno alle supplenze, ricordo che le GI permettono solo 10 scuole, un numero veramente ridicolo rispetto a chi è nelle GAE e accede a tutte le scuole di una provincia.

Il Consigliere ha chiesto di inviargli tutti i casi di cui siamo a conoscenza, in cui su un posto di sostegno c’è un insegnante non abilitato.

Si chiede la collaborazione di tutti i docenti e tutti i genitori di bambini disabili di segnalare alla mail [email protected], tutte quelle scuole in cui ad un bambino disabile è stata data una insegnante non abilitata, nonostante alla scuola fossero arrivate richieste di disponibilità da laureate abilitate al sostegno, segnalare anche quanti sono nella scuola indicata i bambini disabili privi di insegnante di sostegno.

NON È NECESSARIO FARE NOMI, BASTA L’INDICAZIONE DELLA SCUOLA E DEL NUMERO DI BAMBINI PRIVI DI INSEGNANTE ABILITATA AL SOSTEGNO.
.
È arrivato il momento di porre fine a questa prassi scandalosa, il bambino disabile ha diritto ad un insegnante in possesso delle competenze che possano favorire il suo sviluppo formativo e un insegnante abilitato non può essere lasciato a casa, se la scuola necessita delle sue speciali competenze. Il Consigliere del Ministro ha promesso che sarebbe intervenuto al fine di risolvere questa situazione paradossale, confidiamo nella collaborazione di tutti.

Il resoconto dell’incontro

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa